Ti sarà inviata una password tramite email.

Focus

Birra e bicchieri: il mug

Tipicamente associato alle iconografie tedesche e mitteleuropee, il bicchiere con manico ha tuttavia alcune interpretazioni veracemente britanniche. Si tratta d...

Birra e bicchieri: lo yard

Associato oggi quasi automaticamente ed esclusivamente (almeno in Italia) alla somministrazione (e al marketing) della Kwak, la Belgian Strong Dark Ale di casa ...

Birra e bicchieri: lo stivale

In circolazione da almeno 150 anni e legato, nell’immaginario collettivo, alla Germania, il boccale a stivale sembra in realtà aver visto la luce in Gran Bretag...

Birra e bicchieri: lo snifter

In ordine di tempo, lo snifter è - tra i diversi modelli che oggi compongono la grande famiglia dei calici - l’ultimo a essere salito alla ribalta, conquistando...

Birra e bicchieri: il biconico

Decisamente una fisionomia non ambiziosa, non glamour, non bizzarra, non memorabile, e neppure – a dirla tutta - una geometria tale da apportare contributi part...

Birra e bicchieri: il tumbler

Tumbler: nel glossario dell’utensileria brassicola, qualsiasi bicchiere provvisto di un fondo piatto, privo di piede separato e di stelo; caratterizzato da una ...

Ok… il bicchiere è giusto!

Il bicchiere è necessario, per la birra. Per anni la comunicazione dell’industria - prima di iniziare a parlare di luppoli e di km0 - ha tentato di convincerci ...

Smartphone e pinte: le app della birra

Poco ci manca che ci propongano un’applicazione in grado, la birra, di berla per noi, dandocene le informazioni su aspetto, aroma e gusto, per finire dicendoci ...

Birra e bicchieri: la pinta americana

Shaker o non shaker? Questo è il problema… Sì, proprio alla pinta americana (quella da poco meno di mezzo litro: 473 ml e spiccioli, per l’esattezza, pari a 16 ...