Ti sarà inviata una password tramite email.

Hall of Fame. Capitolo XXXI. Anchor Old Foghorn American Barleywine

Come più volte già accaduto in riferimento alle origini di altre tipologie tipicamente statunitensi, anche la ricostruzione di quella che è stata l’alba degli American Barleywines ci conduce a bussare idealmente alle porte della Anchor Brewing Company  di San Francisco (marchio recentemente rilevato dal colosso giapponese Sapporo); e ad eleggere nella nostra Hall of Fame un’etichetta ben nota come la Old Foghorn. Brassata per la prima volta nel 1975 e tenuta al battesimo in bottiglia l’anno dopo, rappresenta l’incarnazione dell’idea fondativa del genere di cui è apripista: flettere il profilo sensoriale dell’English Barleywine secondo un profilo disegnato dalle peculiarità gustolfattive apportate dai luppoli a stelle e strisce (in aroma quanto in amaro). La ricetta prevede così l’impiego di una miscela di puro malto d’orzo (Pale e Caramel); l’utilizzo del solo first wort ovvero la prima acqua di scorrimento (senza lavaggio delle trebbie) al termine dell’ammostamento, la frazione liquida più ricca di zuccheri e sostanze utili alla birrificazione; l’impiego monovarietale di Cascade in bollitura e in dry-hopping. Una connotazione condensata nel nome d’arte d’ispirazione prettamente marinaresca: il foghorn è la sirena da nebbia in uso nei porti a fini di sicurezza.

Da quel punto di partenza, la strada del Vino d’orzo a stelle e strisce è stata battuta da numerosi altri marchi degli Usa. Tra essi, sempre in California, quello di Sierra Nevada (a Chico) con una referenza lanciata nel 1983 e divenuta altrettanto popolare come la Big Foot: a proposito della quale, tra l’altro, merita citarsi un aneddoto esemplare rispetto a quanto il genere brassicolo di cui parliamo oggi differisca dal paradigma storico degli antenati britannici.

bigfoot-sierra-nevada

Si racconta infatti che, inviatane una campionatura allo staff di un laboratorio d’analisi, i suoi addetti si siano sentiti in dovere di contattare Chico onde avvertire come, a loro parere, quel Barleywine fosse troppo amaro. Ebbene, la risposta da parte di Sierra Nevada sarebbe stata un assai indicativo, quanto spiazzante: Grazie mille! Oggi, attenendosi agli standard delle Styles Guidelines del Bjcp, questa tipologia birraria può presentare colori ambrati da chiari a ramati intenso; profumi intensamente maltati e luppolati insieme; gusto vigoroso, etilico (8-12 la gradazione) e bilanciato, ma orientato senza reticenze alla bitterness, con un range d’oscillazione, per le Ibu tra 50 e 100.