Ti sarà inviata una password tramite email.

Hop Mountain del birrificio Hilltop

Un  nome, un manifesto d’intenti. La Hop Mountain ammicca più che esplicitamente al proprio stile di riferimento, quello delle Imperial Ipa, e alle loro peculiarità, tra cui, in posizione primaria, le proporzioni della luppolatura. La targa è quella della scuderia Hilltop (Bassano Romano, Viterbo); la mano quella del birrario, Conor Gallagher Deeks, personaggio tanto sobrio nell’atteggiamento, quanto incisivo nelle capacità. È lui a mettere la propria firma in calce a una ricetta che prevede malto Pale e d’avena in ammostamento, gettate di Citra e Chinook in bollitura, aggiunte di Citra, Ekuanot e Nelson Sauvin in dry hopping.

Il risultato è una pinta dal colore dorato pieno, lievemente velato, discretamente guarnito di schiuma (bianca, fitta), dal quale si sollevano correnti odorose nette, polpose: tanta frutta (cocco, papaya, avocado, maracuja, uva spina), agrumi (pompelmo giallo, limone candito), ventate erbacee e balsamiche.

Le stesse suggestioni che troviamo alla sorsata: sostanziosa ma non sovrappeso, calda ma non urticante (bel pregio, essendo 8.3 i gradi alcolici), assai fluida nel passaggio dalle abboccature iniziali alla cesura amaricante del finale, attraverso uno svolgimento in cui le torniture di partenza si assottigliano fino a un’uscita di piacevole snellezza. Una montagna da scalare, con gusto.

Hop Mountain del birrificio Hilltop

Nazione: Italia
Fermentazione: alta
Stile: Imperial Ipa
Colore: dorato
Gradi alcolici: 8.3% vol.
Bicchiere: pinta
Servizio:  8-10 °C