Ti sarà inviata una password tramite email.

Hall of Fame. Capitolo XXXVII. New Belgium Hop Tart Sour IPA

Altro giro, altra corsa, nella nostra Hall of Fame, l’ideale galleria le cui pareti raccolgono i volti delle birre aventi le credenziali per poter assurgere a capostipiti di una nuova tipologia, la cui genesi e definizione ha poi preso le mosse anche da quell’etichetta, diciamo così, matriarca. Ebbene, nel nostro zigzagare attraverso il tempo (tra stili archeologici, tradizionali e moderni), stavolta premiamo il tasto del fast forward e ci spingiamo nella dimensione della piena contemporaneità, cercando di indagare gli albori di uno dei tanti e tanti sottogeneri fioriti sul tronco delle India Pale Ale in versione americana: quello delle Sour Ipa. Prodotto entrato piuttosto rapidamente nel novero degli usi e costumi quotidianamente praticati da produttori e consumatori, le varianti acide della genealogia a stelle e strisce (estremamente prolifica) inaugurata dalla Anchor Liberty Ale si affacciano sulla scena a partire dalle battute nel 2015. È in quelle settimane, o ancor meglio nei messi successivi ad esse, che si comincia a parlare da un lato di Brett Ipa (con inoculo controllato cioè di lieviti selvatici a fini non necessariamente legati all’affossamento del pH); e  dall’altro – questa la designazione inizialmente adottata – di Tart Ipa, nel loro caso, sì, intenzionalmente caratterizzate da un’esplicita curvatura gustolfattiva di tipo acre. Stando alle fonti disponibili, il primo marchio a muoversi consapevolmente in tale direzione (fin dal principio orientata dall’impiego di lactobacilli secondo la tecnica del kettle-souring) – o almeno il primo a uscire sul mercato dopo essersi mosso consapevolmente in tale direzione – è stato quello statunitense della New Belgium Brewing, a Fort Collins, in Colorado. Le cui officine varano, appunto nel 2015, la Hop Tart (malto Pale; in gettata Nelson Sauvin, Galaxy, Experimental 522), presentata come Sour Apa ovvero uno spin-off (a inclinazione fruttata) del tipico canovaccio American Sour.

Di lì a poco altre firme battenti la bandiera dello Zio Sam – come la californiana Almanac di San Francisco, lanciando la serie Hoppy Sour, ognuna monoluppolata – avrebbero imboccato il medesimo percorso:  lungo il quale trovando via via molti altri compagni di strada, non solo in ambito connazionale, ma sull’intero scenario globale.