Ti sarà inviata una password tramite email.

Grisette, la Saison dei minatori

GrisetteQuando il presente tiene viva una tradizione dandone però un senso fuorviante rispetto alla realtà. E’ quel che accade con la Grisette, denominazione brassicola corrispondente – storicamente – a una tipologia, e oggi, invece, riclassificata – declassata, a veder bene – nel ruolo di brand name dal valore esclusivamente commerciale: assunta a nome d’arte per singoli prodotti o per linee speciali di più prodotti, i quali comunque, stilisticamente parlando, niente hanno a che fare con il significato autentico di quell’appellativo. Attivi un motore di ricerca, digiti Grisette, premi invio e le prime referenze che trovi sono: una Witbier targata Affligem (gruppo Heineken); una terna di etichette nell’ambito del portfolio della Brasserie Saint Feuillen, comprendente una chiara gluten-free, e una coppia di fruit beer commerciali, rispettivamente con ciliegie e frutti di bosco.

Eppure è nitido il ricordo di una visita, qualche anno prima, all’impianto, extraspartano, di Oxbow (Newcastle, Maine, Stati Uniti): dove quella definizione, Grisette, era stata usata – appunto – con il significato di una categoria birraria.

grisette 3E infatti. Bisogna sollecitarlo un po’, il motore di ricerca, per andare a trovare le fonti che permettano di chiudere il cerchio attorno a questo mistero. Ed ecco qua. Gli usi attuali del termine attingono al passato senza però rendergli il dovuto rispetto. Perché, sì, si trattava di vero e proprio genere brassicolo; quello al quale gli americani di Oxbow si riferiscono nel descrivere diverse loro creature, come la Loretta: la nostra original Grisette (dicono), una Blonde Ale rustica, brassata con spelta.

Gli storici di settore, collocano questo stile ormai quasi estinto nell’alveo delle Farmhouse Ale: uno stile – riferisce Phil Markowski – nato quando il panorama dell’Hainaut cominciò a modificare i propri connotati (siamo a fine Ottocento) da quelli di regione prevalentemente agricola a quelli di distretto estrattivo e carbonifero. Ecco: se i lavoratori dei campi avevano la loro birra, la Saison, quelli delle miniere invece ne erano sprovvisti. Manifestando propensione per una bevuta facile, soprattutto dissetante e da assumere in robuste quantità (non sfuggiranno le affinità con il connubio tra i miners gallesi e le leggere Mild Ales), fu cucito loro su misura un prodotto di bassa gradazione (fra il 3 e il 5%) e lieve corporatura. Un prodotto caratterizzato da una limpida vocazione rinfrescante (come le stesse Saison); per esprimere la quale, però, si affidavano non ad acidificazioni controllate e neanche ai frumenti crudi (il loro aspetto era relativamente poco opalescente): ma piuttosto a un apporto significativo di luppolo (altro fattore di chiarificazione). Quanto al colore, si andava dal paglierino all’ambrato, nel caso di cotte eseguite con procedimenti di bollitura del mosto piuttosto intensi e prolungati: e pure questo giovava alla pulizia visiva.

grisette 5Non resta che dare conto del nome. Con l’appellativo di Grisette erano chiamate le ragazze impiegate nelle fabbriche che (vestite con uniformi grigie: in francese gris), tra le altre mansioni, avrebbero avuto quella di portare vassoi di birra appunto ai minatori all’uscita dai pozzi. E dunque la bevanda fu battezzata esattamente come colei che era incaricata di servirla.