Stakanov del birrificio Elav

Se con un nome si fosse voluta evocare l’idea dell’infaticabilità sul lavoro e dunque, traslata nell’immaginario della pinta, quella di una beva spensieratamente continuativa e seriale, grazie al basso tenore alcolico, poche altre scelte si sarebbero rivelate vincenti come quella compiuta dallo staff di Elav nel battezzare la propria Stakanov.

Brassata con malto Pale e Crystal, monoluppolata a base di Centennial, questa Session Ipa (4.5 la gradazione) esibisce, in mescita, un accattivante colore ambrato, dai riflessi arancio e dalle dense velature; preludendo con ciò a un olfatto che, regolarmente, esprime temi maltati di miele, biscotto e frutta secca (nocciola in evidenza), prima di liberare le correnti più ventilate della frutta (pera, melone bianco, papaia), degli agrumi (arancia, mandarino, pompelmo rosa) delle fioriture (zagara), di un erbaceo giudizioso. E giudiziosa è anche la costruzione della corsa gustativa: asciutta e tesa ma non emaciata, dotata anzi di fibra bastante a garantire una buona gestione dell’amaro (non lesinato, di certo), il cui binario connota tutta la seconda parte del tragitto, fino alla conclusione di stampo dry e dalle risonanze balsamiche. Per la serie piccolina, ma c’è tutta.

Stakanov del birrificio Elav

stakanov-bottiglia

Nazione: Italia
Fermentazione: alta
Stile: Session Ipa
Colore: ambrato
Gradi Alcolici: 4.5% vol.
Bicchiere: Pinta
Servizio: 8-10°C