Open del birrificio Baladin

“Birra open source”, “birra da condividere”, ”birra da pub come quella di una volta”: uno (Teo) che fa una birra così può dire tutto quello che vuole: chi mai potrà controbattere? E’ una birra, mi permetto di aggiungere, che oltre a tutto quello detto in precedenza  contribuisce anche ad “open the mind”: è uno spettacolo. Tralasciando gli elogi per la perfetta costruzione, è birra che nel suo stile potrebbe tranquillamente fare range: bella, bellissima schiuma, cremosa e compatta, che dura una vita; bel colore dorato leggermente aranciato e lievemente opalescente. Nel  naso ci trovi tutto quello che hai desiderio di trovare in una americana pale ale: l’agrumato dell’Amarillo e il floreale del Cascade, il rustico del lievito, insieme ad una sensazione speziata ricca e pungente. Difficile trovarne di birre con questa ricchezza olfattiva. Il corpo ti “aggredisce” con la sua varietà: anche qui si comincia con un netto spunto agrumato, l’accompagna l’astringente del  pomplemo, e si vira poi velocemente sul luppolato andante, che fa razzia di tutto il resto, sequestrando a lungo lingua e palato. E sembra non finire mai: è lunga, lunga, lunga, persistente nell’amarezza, ma anche rotonda e consistente; una volta sparito il luppolo, il palato conserva sensazioni morbide e aromaticamente pacate. La frizzantezza diffusa ed equilibrata è un valore aggiunto, casomai ce ne fosse ancora bisogno. Birra per “socializzare” senza dubbio.

Open del birrificio Baladin

Fermentazione: Alta
Stile: American Pale Ale
Colore: Bionda
Gradi alcolici: 7,5° alc.
Bicchiere: Tulipano
Servizio: 8-10°C