Iwasa del Piccolo Birrificio Clandestino

Nipponicheggiante nel nome quanto nella ricetta, la prima Saison nata in seno alla scuderia targata Piccolo Birrificio Clandestino (a Livorno) prevede l’aggiunta, a un canonico protocollo tipologico (per quanto mai un protocollo Saison possa essere canonico), di un deciso tocco Japan, consistente nel conferimento di fiori d’ibisco e gelsomino, a caricare il risultato organolettico finale di sfumature marcatamente caratterizzanti.

Il colore è un rosato di tendenza corallina, palpabile di velature e orlato da schiume sottili, fini, frizzanti. La cui effervescenza a trama fine prelude a un naso altrettanto affilato, nel quale i temi pepati (a seme bianco) e fruttati (pera, pesca) tipici del lievito messo in opera, presidiano il fronte olfattivo accanto agli apporti diretti dei petali impiegati nel brassaggio: con le loro direttrici fresche, prative, occhieggianti (l’ibisco) a ovvie suggestioni di carcadè. Quanto alla bevuta, si rivela – in conformità alle attese suscitate – scattante, veloce, spiccatamente (ma non arrogantemente) acidula, atta a stimolare – in equilibrio coi suoi 4,5 gradi alcolici e giovandosi della rinuncia a incursioni nel territorio amaricante – una salivazione costante, lungo una corsa gustativa equilibrata e più che discretamente persistente nel retronasale. Sayonara, mia cara sete…

Iwasa del Piccolo Birrificio Clandestino

Nazione: Italia
Fermentazione: alta
Stile: Saison
Colore: rosato
Gradi alcolici: 4.5% vol.
Bicchiere: tulipano
Servizio: 7-10 °C