Guldenberg del birrificio De Ranke

Guldenberg etichettaGamma ampia e variegata, quella Brouwerij De Ranke (a Dottignies, nella Provincia dello Hainaut) non si fa – né poteva farsi mancare – una referenza a tinte forti, a cominciare dal tenore alcolico. Nino Bacelle, fondatore e alchimista della maison, temperamento di rustica cordialità, firma così la Guldenberg (etichetta il cui nome è ricalcato su quello dell’antica abbazia di Wevelgem, luogo di nascita dello stesso Nino): una Belgian Strong Golden Ale il cui carattere spicca per molti e differenti elementi sensoriali dalla marcata sottolineatura.

Il colore è un biondo dorato e acceso, dalle profondità ocra, a tratti ambrate; e la schiuma è diffusiva, quasi scalpitante in principio, pur se non cementizia nella persistenza. Lascia insomma, in buon ordine e con certa sollecitudine, la parola all’arco olfattivo, variegato e agreste lui stesso: accanto ai temi della frutta matura (banana, mela), del miele, dei fiori bianchi (sambuco) e delle spezie (un leggero ginepro), ecco qua e là spunti deliziosamente funky da Farmhouse; e un’alata citricità che dà leggerezza all’impianto, preannunciando l’asciuttezza in arrivo nel sorseggio. Ebbene sì, in bocca, alle rotondità iniziali fa seguito una beva da duecentometrista: falcata ampia e veloce, leggera corrente acidula e quel tono vibrante del luppolo in amaro che è il timbro del birrificio. Urka, dici poi ripensandoci: ha otto gradi, la signora.

Guldenberg bottigliaGuldenberg del birrificio De Ranke

Fermentazione: Alta
Stile: Belgian Strong Golden Ale
Colore: Dorato
Gradi Alcolici: 8% vol.
Bicchiere: Calice a chiudere
Servizio: 10-12°C