PVK del Birrificio l’Olmaia

Nuova scommessa, questa vinta alla grande, del birrifcio Olmaia e del suo mastro birraio Moreno Ercolani: produrre una birra beverina, estiva, adoprando in tutto e per tutto materie prime legate strettamente al territorio, la Val d’Orcia appunto, dove ha sede questo birrificio. Grano tenero, grano duro, orzo, avena (tutti non maltati), favino e, a fine bollitura, pepe rosa, coriandolo e scorza d’arancia amara: questi gli ingredienti. Tutti i cereali prodotti e acquistati nella zona dell’Orcia. Il risutato è una splendida biere blanche in stile belga, fresca, beverina, poco alcolica e profumatissima: ideale sicuramente per rinfrescare un caldo pomeriggio estivo. Bionda, leggermente velata per la non filtratura, dalla bella testa di schiuma bianca e vaporosa, ha il naso splendidamente agrumato e speziato, corretto e coerente. Il corpo è rotondo e squillante, attira e appaga, regala fresche sensazioni di agrumi e lievito, con la morbidezza dell’avena. Di questa PVK (dall’etrusco pevak, “birra”), rifermentata in bottiglia, ne sentiremo parlare a lungo.

Birra degustata  il 15/09/2007

PVK del Birrificio L’Olmaia

Fermentazione: Alta
Stile: blanche
Colore: dorato
Grado alcolico: 4,5% vol.
Bicchiere: tulipano
Servizio: 5-6°C