Ti sarà inviata una password tramite email.

Noir del birrificio Altotevere

Territorio stilistico non così battuto in ambito italiano, quello delle American Porter trova una sua esplorazione nella Noir, referenza appartenente alla scuderia Altotevere e firmata dal titolare (nonché orchestratore della sala cotte) Luca Tassinati. Nella ricetta figurano da un lato, in impasto, malti di vario genere (Pale, Monaco, d’avena, d’orzo tostato e decorticato) più roasted barley e avena; dall’altro, in luppolatura, gettate di Cascade e Centennial; quanto alla fermentazione, il tutto è affidato alle neutralità  e alla pulizia dei lieviti statunitensi.

Ne nasce una dark lady (in etichetta un coltello a serramanico sguainato in linea con un nome d’arte che allude al genere cinematografico) che esibisce alla vista un denso color ebano, acceso in bordatura da bagliori mogano e sormontato da una copiosa copertura di schiuma nocciola. È la premessa al naso che ti aspetti: caffè e orzo in tazza, cioccolato e liquirizia, frutta secca tostata, robuste venature erbacee (geranio), agrumate (chinotto) e resinose; naso il quale, a sua volta, introduce una bevuta di sostanziale coerenza, in cui i rientri olfattivi vanno a poggiare su una corporatura agile, supporto di uno svolgimento morbido in avvio (6,3 i gradi alcolici) e quindi via via più snello, fino alla chiusura sostanzialmente secca e di consapevole timbro amaricante. Il lato socievole del bere scuro.

Noir del birrificio Altotevere

Nazione: Italia
Fermentazione: alta
Stile: American Porter
Colore: ebano
Gradi alcolici: 6.3% vol.
Bicchiere: pinta
Servizio: 8-10° C