Manchester Bitter del birrificio Marble

Nato nel 1997 a Manchester, il birrificio si è trasformato negli anni da una realtà locale che produceva birre tradizionali negli angusti spazi retrostanti del caratteristico The Marble Arch Inn, ad un birrificio moderno con impianto da 25hl, oggi nelle mani di Joseph Ince, figlio del proprietario, che dopo una formazione da Buxton e Magic Rock, è tornato all’impianto di famiglia.

La Manchester Bitter, birra molto apprezzata anche in Italia, è tra le migliori interpretazioni moderne dello stile; capace di rinnovarsi nel tempo, grazie ad una luppolatura di stampo americano, pur mantenendo un’anima british (più nelle versioni in fusto che in lattina, che molte volte pecca di un’eccessiva carbonazione).

Nella pinta il colore è dorato carico (malto Extra Pale e Monaco più basse percentuali di malti speciali) e il naso oltre ai tipici sentori floreali, terrosi, balsamici, si avventura in un territorio agrumato, citrico e persino tropicale (Comet, Ekuanot, CTZ i luppoli dichiarati sul sito del birrificio). Il sorso è sfuggente, etereo, pulito, con un timbrica finale all’insegna della secchezza, di un amaro giudizioso e di ventilazioni retrolfattive fresche e delicate che rimandano a prati in fiore e scorze di agrumi. Inchiodato a 4.2 il grado alcolico.

Manchester Bitter del birrificio Marble

Nazione: Regno Unito (Inghilterra)
Fermentazione: Alta
Stile: Bitter
Colore: Ambrato
Gradi alcolici: 4,2% alc.
Bicchiere: Pinta inglese
Temperatura servizio: 10°C