La 05 del Birrificio del Corso

Siamo a Mirandola, in provincia di Modena (culla dell’aceto balsamico), dove ha sede il Birrificio del Corso, proiezione dell’iniziativa imprenditoriale di Samuele Guaraldi, il quale progetta ricette proprie e dà loro vita personalmente, avvalendosi, in via dedicata, parte dell’impianto del marchio reggiano Oldo, a Cadelbosco di Sopra. In un contesto del genere era inevitabile che, prima o poi, saltasse fuori un’esperienza brassicola di contaminazione con il sapere, appunto, dell’acetificazione. Ebbene, nel caso di specie, quel prima o poi ha significato un percorso di test, prove e controprove protrattosi per circa 10 anni, ovvero quanti ne sono serviti per giungere a risultati organolettici giudicati ben soddisfacenti.

La base di partenza è una miscela secca con malti Vienna, Cara Hell, Chocolate e Special B più orzo crudo; sulla quale s’innesta una luppolatura monovarietale da solo Mosaic; a fine bollitura del mosto, si provvede ad aggiungere lattosio e fave di cacao (da Perù e Madagascar); in tino si procede con l’inoculo di lievito da Ale britannica, modestamente esterificatore; all’atto del confezionamento in bottiglia ha luogo l’ingresso – destinato a dare i suoi frutti nella fase di rifermentazione in vetro – dell’‘Aceto Balsamico Tradizionale di Modena Dop (ottenuto da solo mosto d’uva, a differenza del tipo IGP, per la cui produzione cui si utilizza anche aceto di vino). Insomma un procedimento paziente e studiato che trova la sua materializzazione finale nell’etichetta La 05, la quinta nata della propria scuderia.

Il colore è un bruno dai riflessi granato, attraversato da uniformi velature e corredata da ampia nonché fitta schiuma beige. Gli argomenti olfattivi, variegati, piacciono per la riguardosità delle note da aromatizzazione diretta (sia le acetiche sia le torrefatte da cioccolato): inquadrate in un tessuto nel quale quale troviamo accenni da calotta di panettone, Sherry (Palo Cortado), liquirizia, caramello, frutti di bosco (anche in declinazione yogurt). Infine la bevuta: resa agevole, nonostante l’orientamento gustativo chiaramente pronunciato, dalla combinazione tra alcolicità morigerata (4.5 i gradi), bollicina vivace e corporatura non oltre la soglia del medio-robusto; e incoraggiata ulteriormente grazie all’equilibrio palatale tra morbidi filamenti glicerici, dorsale dolceacida e chiusura dosatamente tannica, al largo da eccessi nell’amaricatura. Amaricatura comunque volutamente mantenuta quale sigillo a certificare i cromosomi brassicoli del prodotto: esattamente come il rame utilizzato nella realizzazione delle etichette (applicate su bottiglie svasate a orcio) e teso a evocare l’immagine dei paioli in cui si preparavano i mosti tanto per la birra, quanto per l’aceto. Un passo originale lungo la via emiliana alle Flemish Ale…

La 05 del Birrificio del Corso

Nazione: Italia
Fermentazione: mista
Stile: Sour Ale
Colore: bruno
Gradi alcolici: 4.5% vol.
Bicchiere: calice a chiudere
Servizio: 10-12 °C