Guadagnata del birrificio 26 Nero

La Guadagnata della scuderia toscana 26 Nero (Poggibonsi, Siena) interpreta con applicazione e sostanziale diligenza un protocollo stilistico, quello delle American Amber Ale, non così diffusamente praticato in Italia: una scelta insomma non proprio usuale, il che è già, di per sé, motivo d’interesse. Ma c’è di più: l’armonicità di un risultato sensoriale che va ascritto a merito del produttore, nonché a pregio di una bevuta appagante e insieme non cerebralmente impegnativa. Ma partiamo dalla ricetta: in miscela secca malti Pale, Special B, Monaco 2 e 3; nella luppolatura i coni made in Usa di Columbus e Cascade, gettati sia in early- sia in late- sia in dry hopping; in fermentazione lievito neutro esso stesso di estrazione statunitense.

Ed eccoci alla mescita: colore ramato con riflessi ambra, trama visiva pulita, bordatura (discretamente copiosa e durevole) di schiuma avorio; aromi bilanciati tra apporti del malto (caramello, biscotto, ciliegia con un quid di sotto spirito) e del luppolo (arancia, temi resinoso-boschivi); bocca a sua volta equilibrata, in virtù di una corporatura medio-leggera, di una carbonazione vitale, di una parabola amaricante a crescere che attraversa l’intero iter palatale (morbido in principio, poi snello e infine asciutto) e che viene tenuta costantemente sotto sorveglianza, anche in corrispondenza del proprio picco conclusivo. Amalgama riuscito: salute! 

Guadagnata del birrificio 26 Nero

Nazione: Italia
Fermentazione: alta
Stile: American Amber Ale
Colore: ramato
Gradi alcolici: 6.5% vol.
Bicchiere: pinta
Servizio: 10-12 °C