Vergött del Birrificio Lariano

L’alchimia contaminativa dei dna belga e statunitense che è alla base della genesi stessa delle White Ipa si esprime, in questa Vergött targata Lariano, in termini soprattutto di bilanciamento sensoriale complessivo. La ricetta elaborata dal birrificio Lombardo (siamo a Sirone, in provincia di Lecco) vede incontrarsi una miscela secca fatta di orzo maltato, più frumento e avena crudi, con una speziatura a base di coriandolo più arancia amara in scorze; e con un protocollo di luppolatura imperniato attorno al tandem nuovomondista Galaxy-Mosaic.

Il risultato è una pinta dal colore dorato, di diffusa velatura e coronata da schiuma in giusta proporzione rispetto ai canoni stilistici; schiuma dissipandosi la quale, ecco arcuarsi un ventaglio olfattivo in cui troviamo le spezie direttamente aggiunte in bollitura, accanto a note fruttate (pesca, melone, uva spina), fiori (bosso), agrumi (pompelmo) erbacee e balsamiche. Si va alla sorsata: imbocco neutro, veloce cambio di direzione verso l’acidulo di centro corsa, quindi il graduale ingresso della corrente amaricante, mai in contrasto con l’affilatezza appena menzionata e ben in armonia con un sostrato di latente morbidezza. Il tutto, al modesto prezzo alcolico di 5,5 gradi. Una mano santa, contro la sete improvvisa.

Vergött del Birrificio Lariano

Nazione: Italia
Fermentazione: alta
Stile: White Ipa
Colore: dorato
Gradi alcolici: 5.5% vol.
Bicchiere: pinta
Servizio: 6-8 °C