Ti sarà inviata una password tramite email.

Dagli Usa una birra artigianale per celiaci

Lo spunto viene, come spesso accade in questi ultimi tempi, dall’America: Sam Calagione, patron dello storico birrificio artigianale Dogfish Head e personaggio a tutto tondo nel panorama birrario artigianale mondiale, ha annunciato la messa in commercio, entro la fine di quest’anno, della Tweason’ale, la loro prima birra per celiaci. E’ un mercato birrario, quello delle birre adatte per il consumo di persone affette da celiachia, in netta espansione, legato (purtroppo) alla rapida crescita del numero di persone colpite da questa particolare intolleranza. In Italia, attualmente, si parla di almeno 400.000 persone che non possono consumare prodotti nei quali sia contenuto il glutine, un complesso proteico che si forma in gran parte dei prodotti a base di avena, frumento, farro, kamut, orzo, segale, spelta e triticale. In America, ovviamente, i numeri sono ancora maggiori, e si parla già di più di 3 milioni di persone che manifestano l’intolleranza nei confronti di questi prodotti, ivi compresa la birra. La birra, che Dogfish Head immetterà sul mercato, è prodotta senza glutine (ovviamente), utilizzando sorgo, fragole fresche, miele di grano saraceno, per una gradazione alcolica finale di 6% vol. E’ il tocco di originalità tipico della produzione artigianale americana che anche in questo caso fa la differenza con le già numeroso birre per celiaci presenti sul mercato internazionale.

Le più conosciute (anche il Italia) sono le spagnole Estrella Damm e Ambar, la linea di prodotti per celiaci delle tedesche Riedenburger, Baden Brau e Schnitzer Brau. Tra i piccoli birrifici, bisogna ricordare la Cèlia, prodotta da I Due Mastri per Turatello, birra prodotta nel rispetto della normativa italiana che regolamenta questo settore e che riconosce quale limite analitico legalmente riconosciuto per poter definire un prodotto “senza glutine” quello di 20 ppm (max 20 mg/kg),  mentre per prodotti con un tenore residuo di glutine non superiore a 100 mg/kg (100 ppm) si utilizza la definizione “con contenuto di glutine molto basso”.