Storia dell’Europa in 24 pinte di Mika Rissanen e Juha Tahvanainenan

Storia dell’Europa in 24 pinte (titolo originale Down Beer Street: History in a Pint Glass, London: Souvenir Press, 2016) è un libro che celebra il valore culturale della birra attraverso il racconto di eventi di grande rilevanza nella storia dell’Europa.

I due autori, storici finlandesi professionisti, guidano il lettore attraverso dieci secoli di intrecci tra storia della birra e storia culturale, confezionando un volume che si presta a essere letto tanto dagli specialisti di settore quanto da chi si approccia all’argomento per la prima volta in cerca di sfiziose curiosità. Accanto a fatti abbastanza noti, come l’apprezzamento di Martin Lutero per la forte birra di Einbeck (antenata dell’odierna Bockbier), o il Putsch di Monaco organizzato da Adolf Hitler nel Bürgerbräukeller di Monaco di Baviera, troviamo tutta una serie di episodi davvero interessanti e meno conosciuti.

Quanti di voi sapevano che durante il tragico assedio di Sarajevo l’unica fonte d’acqua potabile disponibile in città era quella di un birrificio locale? Chi era a conoscenza del fatto che Gustav Stresemann avesse discusso una tesi di dottorato in economia politica sullo sviluppo del commercio berlinese di birra? E ancora, chi ama le arti figurative troverà notizia dei ritratti di paesani ubriachi, boccali ricolmi e scene di convivialità nelle locande fiamminghe presenti nei quadri di pittori come Adriaen Brouwer o Bruegel; chi è appassionato di letteratura si sollazzerà con la cronaca delle giornate lavorative di Václav Havel nel birrificio Trutnov; chi si interessa di politica potrà indagare i legami tra multinazionali della birra e squadre di calcio e l’ascesa del “Partito polacco degli amici della birra”. Insomma, 24 capitoli che fondono birra, storia e cultura.

 

Storia dell’Europa in 24 pinte

di Mika Rissanen e Juha Tahvanainenan

Editore: UTET
Anno: 2018
Pagine: 234
Prezzo: 17 euro