Ti sarà inviata una password tramite email.

Sapevate che… il teletrasporto da pub

Una sera iniziata come tante, e alzi la mano chi non ci si è mai trovato. L’uscitina con gli amici “come ai vecchi tempi” tenuta nascosta alla dolce metà perché “sennò chissà come ti riduci”, il ritrovo al solito vecchio pub che passano gli anni ma è sempre come allora, due risate, qualche pinta in più del dovuto che ha ben oliato la lingua. E all’improvviso ecco l’imprevisto, la catastrofe, l’evento che mai avremmo voluto affrontare: squilla il telefono (ma da quand’è che prende qua dentro??), il nome del nostro zuccherino appare sul display. Gli amici capiscono, gli sguardi sono solidali ma non ti lasciano speranza. E ora?

La situazione può assumere connotati drammatici. Non rispondere è escluso, che gli racconti poi? Rispondere è ancor peggio, sembra di stare all’Oktoberfest. Correre fuori idem, bisognerebbe sfondare il muro di gente in stile Tana Umaga degli All Blacks. E piove pure. Ci vorrebbe il teletrasporto. Già, il teletrasporto. Quello che per noi comuni mortali è pura utopia è diventato realtà per alcuni fortunatissimi argentini. Una macchina che ti strappa in tempo reale dalle sabbie mobili, salvandoti da quel ping pong di rinfacci e sabati di shopping pianificati per espiare la tua colpa: l’idea è venuta alla argentina Andes Beer, e il promo che la pubblicizza sta impazzando da diverso tempo su internet.

La trovata è semplice ma quantomai ingegnosa: si chiama “Teletransporter” ed è una sorta di cabina del telefono dal profilo spaziale, insonorizzata, piazzata in un angolo del pub. All’interno un touch screen da cui scegliere fra un ventaglio di effetti sonori che possono catapultarti in un solo attimo nel mondo che vuoi tu, aiutandoti a reggere la sparata. Vuoi essere ricoverato in ospedale? Ecco il lamento dei pazienti e il bip che segue le tue pulsazioni. Preferisci qualcosa di più leggero come un cinema, un supermercato, un aeroporto? Basta premere il pulsante e tac, il gioco è fatto. Vuoi cogliere l’occasione per sottolineare la tua  generosità consolando un amico in lacrime, accudendo la nonna malata o il tuo piccolo nipotino? Anche questo è possibile. A godere di questo “salvacoppia” sono per ora gli abitanti della bella Mendoza, capoluogo dell’omonima provincia argentina in cui ha sede la birreria Andes: il birrificio ha munito del suo “Teletransporter” alcuni pub cittadini, promettendo prossime aggiunte e già riscuotendo un grande successo fra il pubblico maschile. E, al tempo stesso, è facile credere un non meno accorato quantitativo di improperi dall’utenza femminile.

Il tutto è stato anche oggetto di un’azzeccata campagna pubblicitaria, con un divertente video che vi proponiamo qui sotto e un sito internet realizzato ad hoc che permette di ascoltare gli effetti simulati in cabina. A noi non resta al momento che attendere gli sviluppi, sperando che prima o poi la Andes sfondi anche in Europa o che a qualcuno venga in mente di copiare la cabina. Perché di rinunciare alla rimpatriata galeotta con gli amici non se ne parla proprio.