Rebelde del birrificio Orso Verde

Una birra per gridare a tutti il proprio stato di “ribelle”. In effetti se sei uno scrittore esprimi le tue emozioni e il tuo pensiero con la penna, se sei pittore con i colori, ma Cesare Gualdoni è birraio e lo fa attraverso malti, luppoli e tini di fermentazione. Anche se non dobbiamo paragonarlo ad un artista, visto che lui stesso afferma di non esserlo, la Rebelde vuole comunicare un sentimento di rifiuto, forse anche birrario nei confronti di chi  produce birra senza qualità né etica, andando dietro a mode e marketing, e di solidarietà per chi con coraggio e ostinazione svolge il proprio lavoro di birraio artigianale.
Ma lasciamo ad altra sede manifesti birrari rivoluzionari, per parlare di questa bella american pale ale dall’intenso color ambrato. Al naso si capisce subito di avere a che fare con una birra di personalità dove abbondano profumi erbacei e agrumati (pompelmo e arancia amara) merito dei due luppoli americani utilizzati (cascade e amarillo, quest’ultimo utilizzato in dry hopping). Non manca però la componente dolce, biscottata e carammellata dei malti (carapils e caramunich) che gioca l’importante ruolo di controaltare in una birra corposa dal lungo finale secco e resinoso. La Rebelde è presentata dal birraio come profumata e pericolosa. Cesare è stato di parola e ci ha regalato una grande birra con una beva eccezionale e una gradazione alcolica sostenuta  (7,5%) che non si percepisce affatto.. ma in effetti con un nome così non ci si poteva certo aspettare una birra da educande.

Rebelde del birrificio Orso Verde

Nazione: Italia
Fermentazione: Alta
Stile: American Pale Ale
Colore: Ambrata
Grado alcolico: 7,5% vol.
Bicchiere: Tulipano
Servizio: 10-12°C