Ti sarà inviata una password tramite email.

Nuovi birrifici e beerfirm: Labirratorio, Borgia, Beerfulness, Babilia

Sempre più corposa l’anagrafe dei marchi microbrassicoli italiani. Scopriamo dunque alcuni dei nuovi nati del 2015.

LabirratorioIniziamo dal secondo ramo della famiglia e puntiamo la bussola in direzione delle Marche. Qui, a Falconara Marittima, ardono i fornelli della microbrewery battezzata Labirratorio, che si presenta con un motto programmatico deciso e ambizioso: Mangiare e bere fuori dal coro. Il birraio, Simone Santarelli, gestisce, attualmente tre ricette: la Marylin (Belgian Blond Ale con malto d’orzo e frumento, da 4.8 gradi); la Campania 24 (American Ipa da 5.4 gradi, aromatizzata con chips di mela essiccata, zenzero e scorza di bergamotto); e la Fiordarancio (Saison al frumento, speziata con scorza di arancia, coriandolo e pepe nero: 5.2% la taglia etilica).

Un poco più a sud, A CBirra dei Borgia logoivita Castellana (Viterbo) entra in scena una realtà brassicola che issa come propria bandiera il senso di appartenenza alla storia locale: Birra del Borgia è il brand scelto per un progetto che vede le chiavi della sala cottura affidate a Stefano Gavazzi (lui stesso architetto dell’impianto) e che si propone, in questa fase di decollo, con un portafoglio di quattro prodotti. Accanto alla Golden Ale (battezzata senza nomi d’arte particolari, 4.7 i suoi gradi alcolici), abbiamo tre referenze ispirate altrettante figure della famiglia che esercitò appunto la signoria sul suggestivo borgo laziale: la Lucrezia (Saison da 6 gradi, dedicata alla donna che è passata alla storia come una tra le cospiratrici più temute); la Cesare (Ipa da 7 gradi, omaggio al governante che, con l’epiteto de Il Valentino, fu scelto da Machiavelli quale massimo esempio di politico pragmaticamente orientato, fino al cinismo, a conseguire i suoi fini con ogni mezzo); e infine la Rodrigo (una Tripel da 8 gradi, intitolata a colui che, ordendo trame spregiudicate, salì al soglio pontificio come Alessandro VI).

beerfulnessE passiamo alle beerfirm. In questo ambito – ma incamminata lungo un percorso già proiettato verso l’avvio di un brewpub – l’apertura dei battenti è in agenda da qui a pochi mesi – ecco Beerfulness Brewery, realtà cuneese che si dichiara, in maniera alquanto ardita, Filofabbrica Birrosofica; e dietro al cui nome d’arte troviamo quello di Andrea Bertola, brassatore di lungo corso – se ne ricorderanno le esperienze sia con Pausa Cafè a Saluzzo, sia con il Bsa a Vercelli – e di fervido spirito d’iniziativa. Insieme ai suoi attuali compagni di viaggio ha partorito una gamma comprendente, ad oggi, sei referenze, tutte in stile belga: Upekkha (Blonde Ale), Mettā (Dubbel), Muditā (Strong Dark Ale), Karuna (Dubbel), Satvā (Tripel) e Sūnyatā (Strong Golden Ale). Una realtà che come abbiamo segnalato nell’ultimo numero della nostra rivista sarà tra le prime a produrre anche in lattina.

beerfulness2

Babilia logoChiudiamo con un’altra beerfirm, stavolta emiliana. E’ la bolognese Babilia (a San lazzaro di Savena la base operativa), che ha in catalogo, al momento, due etichette: la Aparilla (American Pale Ale da 5,5 gradi, alquanto controcorrente, per il moderato tenore amaricante); e la curiosa Break Warrior (Ginger Wheat Ale da 4.3 gradi, dai sentori di zenzero e arancia).