Fiera del birrificio Birra dell’Eremo

fiera eremoFondato nel 2012 da Enrico Ciani e Geltrude Salvatori Franchi, Birra dell’Eremo si diverte a livello produttivo a spaziare fra stili e tipologie, partendo dall’idea che ogni momento della giornata – e dell’anno – ha la sua voglia e, di conseguenza, la sua birra più indicata.

Esplora il mondo delle American IPA la Fiera, nome che richiama sia i 6,5% che la marchiano con eleganza, sia quel Cantico delle Creature di San Francesco (da “féra”, fiera/bestia, in questo caso) che è fonte di ispirazione per tutte le etichette del birrificio. Il bicchiere ci accoglie con un cappello di schiuma compatta e persistente. Il colore regala toni di un bell’ambrato limpido, ad anticipare un naso dominato da note agrumate – pompelmo su tutto – affiancate da sensazioni resinose ed erbacee (amarillo, cascade e chinook i luppoli utilizzati). La boccata è piena, di bella personalità, quasi cremosa, avvolge il palato regalandogli un finale lungo e aromatico, di nuovo con note agrumate e un leggera dolcezza di fondo la rende davvero piacevole nella sua linearità. Chiude una gradevole impronta amara che ripulisce il palato lasciandolo secco e godibile.

Una curiosità, della serie “buona la prima”: la ricetta della Fiera è ancora oggi quella del primissimo lotto prodotto, uscito col botto e da allora mai ritoccato.

fire bott eremoFiera di Birra dell’Eremo

Stile: American IPA
Fermentazione: Alta
Colore: Ambrato
Alc.: 6,5% vol.
Temperatura di servizio: 8-10°C
Bicchiere: Pinta americana