Ti sarà inviata una password tramite email.

California Beer Route: San Francisco (seconda parte)

Dopo qualche giornata passata a zonzo a San Francisco fra Golden Gate Bridge, grattacieli del Financial District, saliscendi a bordo di un Cable Car, shopping in qualche negozio hippie che vende indistintamente tappeti, vinili e mutande, cominciate a sentire nostalgia del Bel Paese? Non credo proprio… Esiste comunque un’altra buona ragione per recarsi fra i lampioni decorati di tricolore di North Beach, il quartiere italiano di San Francisco, luogo piacevole, piuttosto elegante e alla moda: la presenza del Rogue Ales Public House, pub-filiale californiana di questo famoso birrificio dell’Oregon dove grazie a decine e decine di spine potrete assaggiare gran parte se non tutta la loro produzione più qualche altra birra ospite. La presenza del tasting set è di non poco aiuto per l’impresa… Forse non è proprio il luogo migliore in cui cenare, ma le birre sono servite come si deve, cosa per nulla scontata negli USA, vale a dire alla temperatura corretta.

Sarebbe davvero eccessivo l’elenco delle 15 birre provate… Ci hanno colpito la Brutal Bitter, fedele al suo nome, la Imperial Porter Cask Aged, rustica e di grande carattere, la Imperial Russian Stout. Presente, fra i disparati stili proposti, anche un malt liquor, in effetti stile non così usuale neppure da quelle parti. Prodotti di ottimo livello quelli di Rogue, senza dubbio, ma a nostro parere mancano di quel carattere da fuoriclasse di altri produttori della West Coast. Russian River B.C. per citarne uno, presente al locale durante la nostra visita con la Dead Laef Green, splendida super-bitter ben più spinta del corrispettivo inglese. Una dritta per chi seguirà le nostre orme: all’uscita, proprio accanto troverete un liquor shop con delle chicchette davvero notevoli, il Coit Liquor. Noi ce ne siamo tornati in albergo con un cartoncino da 6 bottiglie di Palo Santo Maroon di Dogfish Head. Per la folle cifra di 8 (O-T-T-O) dollari…



Insomma, tutto birre così paradisiache a San Francisco? Certo che no…
Il San Francisco B.C. è davvero uno stupendo bewpub storico, tipico e vissuto, dove si respira aria di un’altra epoca e che vale davvero la visita. Ma dopo un rapido giro all’interno per ammirare il locale, dovesse mai venirvi sete, consigliamo di recarsi altrove senza indugi. Meglio stendere un velo pietoso sulle birre… Scialbe se siete fortunati. Altrimenti infette.


Per restare in tema brewpub, più o meno dalle parti del Tornado e del quartiere hippie, troverete il Magnolia Pub. Decisamente una scelta migliore. Il locale è carino e confortevole, ricavato all’interno di una ex farmacia della quale conserva ancora qualche arredo d’epoca. Buona la selezione. Anche qui il tasting set viene in aiuto: le birre presenti sono una dozzina, compresa qualcuna in versione “cask” o “nitro” (carboazoto). Noi abbiamo provato la Bitter, la Porter e la Mild spillate a pompa, interessanti. Il cibo è abbastanza curato e offre interessanti variazioni come ad esempio la selezione di formaggi californiani.

 

 

Atmosfera completamente diversa al 21st Amendment (quello che sancì il proibizionismo). E’ un locale in stile moderno con ampia cucina a vista. Anche qui i tasting sets ci vengono in aiuto per provare tutta la loro produzione di stampo anglofono, tranne la Brew Free! or Die IPA e la High Watermelon Wheat Beer che sono vendute solo in lattina. Il livello delle birre è medio alto, con una divertente Bitter immensamente luppolata. La cucina offre pizze oscene e i soliti burgers e co.

 


Se volete qualcosa di diverso la Thirsty Bear B.C. è “famosa” per le sue tapas. Le birre invece risultano un po’ anonime. Certo l’offerta di San Francisco non si esaurisce qui: abbiamo ancora Anchor B.C., uno dei pilastri della rinascita delle craft beer americane, il Beach Chalet B.C. con le sue birre anonime ma con bellissima vista sulla baia e tanto altro ancora, come i cafè con batterie di birre belghe o i bar per turisti che comunque non tradiscono mai.

 

 

 

Per chi invece è in cerca di beer shops Healthy Spirits a Castro è una tappa obbligata: vastissima la selezione di birre e, se cercate le rarità della West Coast, è il posto che fa per voi (presenti anche alcune birre artigianali italiane).


Anche il City Beer Store ha una buona selezione di birre in bottiglia ed in più qualche spina e un piccolo assortimento di
formaggi e salumi artigianali per uno spuntino. Ma in generale praticamente ogni liquor store ha almeno un paio di frigo-vetrine con qualcosa di interessante da offrirvi. A prezzi, ovviamente, che hanno dell’incredibile.. 

Un ultimo sguardo alla baia e cala il sipario su questi giorni trascorsi a San Francisco, città che racchiude in sé un meltin’pot di culture, contraddizioni, stili eccentrici e moderne tradizioni, ma che rappresenta anche – anzi, soprattutto… – un vero paradiso per il birrofilo più esigente, una mecca del bere bene a prezzi corretti. Un luogo dove la birra è davvero popolare, in tutti i sensi.