Ti sarà inviata una password tramite email.

Brouwerij Jopen

A poca distanza da Amsterdam, si trova la splendida cittadina di Haarlem che, attorno al ‘500, contava un centinaio di birrifici in attività, che producevano seguendo le ricette imposte dalla municipalità, secondo una usanza medievale. L’intento era di caratterizzare al massimo i prodotti della città, diversificandosi dalle altre realtà. Nel 1995, con l’idea di recuperare la storia brassicola locale, è nato Jopen. La prima birra, basata su una ricetta del 1501, fu la Hoppenbier, che celebra la produzione con il luppolo di Haarlem ed è, stilisticamente, di difficile collocamento, visto che gli ingredienti, oltre al malto d’orzo, sono frumento, avena e luppoli Saaz e Brewers Gold, anche se oggi Jopen dichiara di usare luppoli di origini tedesche. Ne risulta comunque una birra piuttosto fresca e morbida, senza spigoli. Altra birra “storica” è la Goyt, che in realtà è un gruit (una birra caratterizzata da un originale mix di spezie anziché luppolo) di 8.5%, bruna con riflessi ambrati, calda e piuttosto aperta sul dolce, cui è seguita la Adriaan, una variante su ricetta del 1407 meno alcolica, 5%, e chiara. Anche la Lentebier (birra di primavera), una stagionale, segue i dettami medievali di Haarlem, che obbligavano ad usare orzo, avena e frumento, in questo caso con una generosa aggiunta di semi di coriandolo. Mentre per l’autunno viene prodotta la Bokbier, 6.5% ispirata ad una ein bock, ad alta fermentazione, che oltre ai tre soliti cereali prevede anche segale. La mia preferita è però la Jacobus Rye Pale Ale, un intrigante mix di spezie, malti (tra cui segale, come ci dice il nome) e luppoli che si fondono in un corpo slanciato e ben rapportato al tenore alcolico (5%): una buona compagna di bevute con un bel bilanciamento e un finale piacevolmente lungo, lievemente piccante. Oggi il birrificio ha sede nel cuore della città in Vestestraat 1, all’interno dell’antica chiesa di Saint Jacobus (Jacobuskerk) che, oltre alla produzione, ospita anche un ristorante e un caffè dove è possibile assaggiare le birre in un ambiente decisamente suggestivo.