Ti sarà inviata una password tramite email.

birra dal mondo

La birra in Scozia

Da sempre intenta a marcare la propria identità rispetto alla Gran Bretagna, e soprattutto rispetto all’Inghilterra, la Scozia ha da tempo codificato “uno strap...
article placeholder

La birra in Olanda

È dura vivere all’ombra di un vicino maledettamente talentuoso, rinomato e celebrato in coro unanime come il confinante Belgio, tutt’oggi forse il Paese brassic...
article placeholder

La birra in Polonia

Sull’onda del dissodamento operato per mano dei vicini scandinavi, anche in Polonia fervono le sale cottura di birrifici artigianali, la cui ebollizione ha fatt...
article placeholder

La birra in Svezia

In Svezia i produttori censiti - compresi naturalmente gli industriali, come Spendrups o Carlsberg Sverige (Falkenberg), divisione locale del colosso danese - a...
article placeholder

La birra in Finlandia

La Finlandia fa registrare, sul totale dei circa 90 marchi attivi, un numero significativo di beer-firm, affiancati comunque da birrifici e brewpub che tengono ...
article placeholder

La birra in Norvegia

Con circa 200 imprese (alcune delle quali di natura totalmente industriale, come la Ringnes, maggiore compagnia del Paese, fondata nel 1877 e oggi in mano al gr...
article placeholder

La birra in Spagna

Un Paese in deciso fermento. Grazie all’impulso dovuto al recente avvio del movimento artigianale (si parla di un cammino iniziato, nella sua sostanza, dopo il ...
article placeholder

La birra in Francia

Attraversata oggi da un risveglio artigianale - dalla Manica al Mediterraneo - che ha portato il totale dei marchi censiti (tra “micro”, brewpub, beerfirm e ind...
article placeholder

La birra in Argentina

Meno conosciuta in Europa, rispetto ad altre del continente latinoamericano, l’esperienza argentina è nondimeno arrivata a esprimere già due tipologie ufficialm...

La birra in Messico

Ebbene sì, il contagio artigianale ha toccato anche il Messico. Una “epidemia” graduale, per dosi omeopatiche, nelle sue battute iniziali (più o meno attorno al...
article placeholder

La birra in Giappone

Un caso singolare, quello del Giappone, che meriterebbe un approfondimento più attento e attuale visto che già tra fine anni Novanta e primi Duemila, il Paese d...

La birra in Nuova Zelanda

Inquadramento, argomenti e conclusioni assai simili a tutto quanto emerso a proposito dell’Australia ci troviamo a esporre in ordine alla vicina Nuova Zelanda. ...

La birra in USA

Come in relazione a sostanzialmente tutte le sfere della vita collettiva, delle espressioni sociali, culturali e di costume, gli Stati Uniti rappresentano un mo...

La birra in Inghilterra

Con circa 1900 marchi brassicoli attivi e con un consumo pro capite non stellare ma significativo (74 litri), la Gran Bretagna continua a rappresentare uno tra ...

La birra in Australia

Tra i Paesi particolarmente attivi sullo scenario internazionale figura certamente l’Australia. La Terra dei canguri rappresenta infatti un lato dell’ideale pol...

La birra in Danimarca

“C’è del marcio in Danimarca...”, dice preoccupato il personaggio di Marcello in una celeberrima battuta dell’Amleto. Di certo, volendo attualizzarla, l’afferma...

La birra in Repubblica Ceca

Con una produzione annua non inondante (20 milioni di ettolitri), ma con un consumo pro capite che (con 143 litri sul ciclo dei 1 mesi) è ancora il più elevato ...

La birra in Germania

La Germania è considerata, da molti nel mondo, e molto probabilmente da tutti i Tedeschi, “semplicemente” come la patria della birra. Senza alcun dubbio, il Pae...

La birra in Brasile

Quando sentiamo pronunciare la parola Brasile, a differenza di quanto avvenga con Germania o Belgio la nostra fantasia non corre immediatamente a forgiare l’imm...

La birra in Belgio

In un Paese di undici milioni di abitanti, poco più grande della Sicilia, sono attivi oltre duecentocinquanta birrifici. Il Belgio è considerato da molti il Par...