Flying Dog Brewery

Fra i primi 50 (42°) birrifici artigianali americani per la produzione nel 2007, e sempre fra i primi 50 (29°) per le vendite, la Flying Dog Brewery è uno dei birrifici più a la page oggi in USA. Nata come brewpub ad Aspen nel 1990 con George Stranahan e Richard McIntyre, nel 1994, visto il successo crescente dei propri prodotti, viene aperta una nuova birreria nella vicina Denver, e dal 2006 il 70% della propria produzione viene spostato a Frederyck, nel Maryland, persso la ex Wilde Goose Brewing Company, mantenendo però il proprio quartier generale a Denver.

Ha un packaging molto ben curato e uno stile aggressivo e irriverente: tanto irriverente che dal 1995 (anno in cui è stata lanciata sul mercato la Dog Road con l’etichetta disegnata da Ralph Steadman) al 2001 ha dovuto rimuovere dalle proprie etichette il motto “good beer, no shit”. Solo nel 2001 infatti, grazie all’aiuto della American Civil Liberties Union, la Flying ha potuto rimettere sulle proprie labels il motto incriminato. Attualmente producono una quindicina di birre, fra stabili e stagionali, oltre ad alcune produzioni “eccezionali” o occasionali. Le loro etichette sono tutte  illustrate da Ralph Steadman (“the gonzo artist”), disegnatore anche delle opere di Hunter S. Thompson, scrittore americano morto nel 2005 e personaggio molto particolare.

Suo il famoso aforismo “Are we human or are we dancers” inserito dal gruppo indie rock The killers nel testo della prima canzone del loro ultimo album “Day and age”. Suo anche il motto che la Flying dog ha fatto proprio: “good people drink good beer”, vista l’amicizia che i due fondatori della brewery condividevano con Thompson. Ma soprattutto si deve a lui la creazione del Gonzo Journalism, un particolare stile di scrittura che combina il modo “classico” di fare giornalismo con le impressioni personali e gli strumenti narrativi tipici del racconto, per produrre un personale punto di vista sugli avvenimenti. Il giornalismo, afferma sempre Thompson, può essere di fatto veritiero anche senza dover essere rigidamente oggettivo. Muore suicida ad Aspen, con un colpo di pistola, ma non tutti ne sono convinti; negli ultimi tempi della sua vita indagava sugli attentati dell’11 settembre 2001. Le sue ceneri furono sparate nel cielo di Aspen (come aveva lasciato scritto) dal suo grande amico Jhonny Depp.

Flying Dog Brewery
4607 Wedgewood Blvd
Frederick (Maryland)
USA 21703