Fuji del birrificio War

Classificata dal produttore (il birrificio War, a Cassina de’ Pecchi, Milano) come American Strong Ale (tipologia i cui contorni, in Italia, non trovano forse il conforto di una percezione così nitida e univoca), la qui presente Fuji viene perciò proposta al lettore, giusto al fine di favorirne un più facile e immediato inquadramento, entro la casella delle American Amber Ale. Al di là comunque delle questioni di pertinenza stilistica, si tratta di una ricetta che, partendo da una miscela secca alquanto composita, comprendente malti Pils, Cara Pils, Pale, Monaco e Special X (un Crystal scuro), procede, prima della fermentazione, attraverso una luppolatura a base di Cascade e Summit.

Ne discende una pinta dal caldo colore ambrato carico, pulita nell’aspetto e ben equipaggiata nelle bordature di schiuma avorio; idem sostanziosamente dotato è l’arco olfattivo, al quale concorrono robusti contrafforti maltati (calotta di dolce da forno, caramello a medio-lunga cottura, frutta secca glassata) e fruttati (albicocche disidratate in specie), oltre alle più aeree volte a crociera delle agrumature (arancia candita) e delle speziature (radice di liquirizia). Insomma, un’architettura olfattiva solida ed elastica insieme, così come l’impalcato gustativo palatale: corpo medio-robusto, bollicina vivace, alcol gestibile (siamo a quota 6.5) fanno da fondamentali a una costruzione comunque scorrevole della sorsata (abboccata in avvio, poi morbida e infine snella), cui giova anche la venatura amaricante dal doppio Dna, tostature da un lato e luppoli dall’altro. 

Fuji del birrificio War

Nazione: Italia
Fermentazione: alta
Stile: American Amber Ale
Colore: ambrato
Gradi alcolici: 6.5% vol.
Bicchiere: pinta
Servizio: 9-10 °C