Ti sarà inviata una password tramite email.

Simone Cantoni

article placeholder

Kapittel Pater di Brouwerij Van Eecke

Tra i prodotti “sempreverdi” – quelli che non hanno non hanno magari il fascino dell’inedito, ma la (non disprezzabile) virtù del saper dare certezze e che, sul...
article placeholder

Le Coq Imperial Extra Double Stout di Harveys

“Superclassico” del panorama birrario britannico e, in specie, della tipologia Imperial Stout, questa etichetta targata Harveys – ma recante il nome del produttore titolare della ricetta, la “Albert Le Coq” (secondo maggior birrificio estone, ubicato...

Oyster Stout del birrificio Porterhouse

Nella vexata quaestio che oppone fautori e scettici attorno al forse più noto tra gli abbinamento gastronomico tradizionali d’Irlanda, quello che vuole insieme ...
article placeholder

Ranger di New Belgium

Sei gradi e mezzo di American (West Coast) Ipa, con tutte le tessere del mosaico al loro posto. Documenti in piena regola, per la “Ranger” di casa “New Belgium”...
article placeholder

Golosa del birrificio Menaresta

Sarà pure una birra (un’altra) in linea con il corrente mainstream “american & pacific aromas”, ma la Golosa (di nome e di fatto) sformata dalle fucine Menaresta (Carate Brianza, provincia di Monza) lo è, allineata, con un senso dell’armonia sens...
article placeholder

Fin du Monde di Unibroue

Tra le numerose etichette presenti nel catalogo della Unibroue, casa birraria canadese (di Chambly, nel Quebec) di proprietà del gruppo giapponese Sapporo, la “...
article placeholder

Old Tom di Robinsons Brewery

Sarà che questa birra è dedicata a un gatto (bestiola verso il quale chi scrive nutre una predilezione profonda); sarà anche quello, che aumenta il tasso di simpatia verso il prodotto. Ma di base c’è che questa Old Ale merita, senza bisogno di spint...

Dark Munro di Highland Brewing Company

 Una delle più intriganti e consigliabili esperienze sul fronte birrario “low alcool”. In ascesa (e con varie fondate ragioni) tra le simpatie anche di noi ital...
article placeholder

Ruthless Rye Ipa di Sierra Nevada

Nomen omen. Sfodera un caratterino tutt’altro che accomodante o, tantomeno, dimesso, la “Ruthless” (implacabile, accanita, spietata: queste le possibili traduzi...

Single Pub Beer: la nuova frontiera firmata Birrificio degli Archi

Prende il largo, a Viareggio, il “nuovo corso” del Birrificio degli Archi, iniziato a dicembre scorso con l’uscita della Matilda American Ipa (la prima “Usa style” del marchio versiliese) e il simultaneo debutto - affidato proprio alla “di lei etiche...
article placeholder

Infra Red del birrificio Hardknott

Infra Red sembra davvero essere un prodotto con cui alla Hardknott si sono divertiti. La scheda anagrafica sul sito del birrificio la dichiara “Ipa ossimorica...

La Brusca del Birrone sposa una torta salata alle erbe amare

Spesso (ma sempre meno) sottovalutate in quanto basse fermentazioni (come se la mancanza delle note aromatiche fermentative delle Ales, significasse necessariamente una mutilazione, sul piano organolettico), le birre in stile Pils, o quantomeno ispir...

Black Ipa del birrificio Emelisse

Una Black Ipa “con la clava”, l’interpretazione targata Emelisse (noto marchio olandese, di stanza a Kamperland) che non tradisce certo le aspettative dei passi...
article placeholder

Scik Pils del birrificio Birra del Borgo

C’e il passo di un noto brano di Pierangelo Bertoli, A muso duro, che affiora ed echeggia spontaneo, durante l’assaggio della Scik Pils; quel frammento di testo che recita: “… con un piede nel passato e lo sguardo dritto e aperto nel futuro”. Parole ...
Simone Cantoni

Simone Cantoni

Pisano, classe '67, dopo una laurea in lettere si dedica al giornalismo e, parallelemente, all'attività di degustazione e di abbinamento, su vari fronti: quello del vino (sommelier Fisar), del formaggio (Onaf) e della birra, come docente, redattore di guide (Slow Food) e giudice in concorsi nazionali