Altbier del birrificio Schumacher

Dusseldorfer Altbier della Brauerei Ferdinand Schumacher o, più semplicemente, la Schumacher Alt. Probabilmemte – oggi – la miglior espressione, sulla piazza locale, dello stile che è la bandiera liquida della grande e storica città renana. A livello di rappresentatività, peraltro, è lo stesso marchio a poter vantare titoli roboanti. Fondato nel 1838, il birrificio rivendica con orgoglio la Alt come la più antica tra quelle attualmente ancora prodotte. Senz’altro è di ottima fattura. Confezionata nella bottiglia da un litro, con l’immancabile tappo a gancio, in mescita si presenta di un bell’ambrato scuro, limpida e ben equipaggiata di schiume color crema. Gli aromi danno quel che ci si aspetta: caramello, biscotto, nocciola; leggere venature resinose e di agrume candito. Semplice e insieme piena al naso, così si rivela anche all’assaggio, la cui partenza abboccata lascia spazio, in corsa, a un giro di boa più snello e infine a una chiusura di secca tostatura, in cui spiccano le note di crosta di pane e (ancora) nocciola. Un trampolino verso una retronasale che regala il ritorno di quelle lievi agrumature da dolce casalingo pasquale già percepite in olfazione. Una bevuta d’autore, a fronte di un grado alcolico in piena austerità tedesca: 4,6 gradi appena.

Altbier del birrificio Schumacher

Nazione: Tedesca
Fermentazione: Alta
Stile: Altbier
Colore: Ambrato
Gradi Alcolici: 4.6% vol.
Bicchiere: Altglas
Temperatura di servizio: 10-12 °C